E siamo ancora qua

Il Lockdown ormai è alle spalle, il ritorno alla “normalità” è stato sorprendente per la stupefamiglia. Restare in casa per tante settimane (con l’eccezione di Atpco che è andato regolarmente al lavoro)

Ecco, questo è quel che Lenticchia ha trovato tra le bozze del blog questa mattina quando è finalmente riuscita a fare quel che programmava da mesi.

Un incipit romantico, malinconico, prolisso e preludio di grandi riflessioni tipico di Atpco che, però, è rimasto lì sospeso senza vedere la luce. In attesa di sapere quali mirabolanti riflessioni Atpco avesse in serbo per noi, diamo la parola a Lenticchia.

L’ultima volta che abbiamo avuto notizie della Stupefamiglia era il lontanissimo Giugno 2019. Nell’archivio dei podcast si possono sentire due frizzanti Atpco e Lenticchia che fanno, al solito, i pagliacci credendo di essere simpatici ma con una voce che tradisce l’incommensurabile stanchezza dell’avere appena messo a nanna le tre piccole di casa..ecco solo la voce morta di sonno di Atpco fa ridere da sola!

E oggi? In quali condizioni la Stupefamiglia ha superato l’eterno lockdown?

Lenticchia sta bene. Il lockdown ha esacerbato il suo desiderio di vasi e fiori e verde in giro per casa. Ad Aprile il terrazzo pullulava di vita, a Dicembre ha messo via la terra e i vasi e con essa la speranza di far crescere qualcosa nella nebbia perenne.

Lenticchia ha i capelli lunghi, molto lunghi. Osserva la sua maestosa criniera leonina e ascolta le soavi voci del trio che, con la tipica schiettezza che solo i bambini hanno, le raccomandano di non farsi vedere in giro conciata in quel modo.

Lenticchia ha sempre odiato i gatti ma durante il lockdown ha ben pensato di adottare una vecchietta gattona napoletana..forse aveva bisogno di movimentare la sua routines fatta di sveglia-compiti-giochi-pranzo-nanna-merenda-compiti-cena aggiungendo pappa gatto- cacca gatto o forse la sua instabilità emotiva dovrebbe essere motivo di studio.

Qualunque fosse la necessità di Lenticchia, lei, con entusiasmo inaspettato e lacrime abbondanti, ha accolto una splendida gatta che chiameremo Dormo&Mangio. Dormo&Mangio ama Lenticchia come solo i gatti opportunisti sanno fare. Cascasse il mondo alle 6.05 a.m Dormo&Mangio salta sul letto dritta sulla faccia di Lenticchia e intona una melanconica litania che scioglierebbe anche i cuori più duri e che dice “fameeee fameee” ma Lenticchia si gira e russa. Dormo&Mangio rinuncia ma torna alla carica dopo qualche minuto con effusioni vibranti e bacetti rasposi.

Esattamente così, tutte le mattine.

A quel punto, attirata dal profumo di caffè che Atpco ha già sul fuoco, Lenticchia si alza e assolve al suo primo dovere materno..la pappa al gatto..non senza chiedersi perchè Dormo&Mangio non tedi Atpco già in piedi.

Atpco sta bene. Atpco sta bene come un leone chiuso in gabbia. Il lockdown senza sagre, senza gite senza meta improvvisate, senza grigliate in campagna l’hanno demoralizzato. Ogni weekend lanciava un pensiero laconico alla bontà culinaria di cui avrebbe potuto fare scorpacciata e per consolazione produceva una serie di leccornie unte e dense di calorie esagerate che hanno portato il resto della Stupefamiglia ad implorare l’insalatina per cena. Atpco da allora, segue tutti i massimi esperti web del BBQ, studia gli accessori, i termometro, i tagli di carne e gli insaporitori. Se la carriera da IT dovesse fallire la sua vita non è persa.

Atpco ha ricominciato a correre. Esce di casa e non torna più. Esce con ogni tipo di meteo e quando torna, al crepuscolo, profuma come gli animali con cui ha certamente litigato per la contesa del territorio durante l’assenza. Quando torna non parla, ha lasciato il fiato e i pensieri sotto le scarpe. Quando torna ha il colore del bosco in inverno dopo una gelata, quello del “voglio morire”. Quando torna tre allegre bambine saltellanti pretendono la sua attenzione e il passo dal “voglio morire” al ricomincio a correre è breve!

Terry, Maggie e Pulcina stanno bene. Hanno tollerato abbastanza bene la convivenza forzata con Lenticchia imparando ad esternare i loro sentimenti di intolleranza con molta moderazione.

“Mamma, non capisco perchè io debba stare a casa con te e le mie sorelle possano andare con Babbo. Non hai bisogno di me per farti compagnia, hai il gatto ormai! Fammi andare, con te mi annoio!” – Pulcina.

“Mamma sei insopportabile e noiosa spesso!” –Terry.

“Mamma, mi da molto fastidio quando mi dicono che ti assomiglio. Io non voglio somigliarti” – Maggie

Questo post andrà online così com’è, senza l’eterno editig di Atpco perchè, visti i tempi e lo scarso tempo a disposizione, Lenticchia coglie l’ultimo attimo che le resta prima di ritornare al suo primo dovere materno..la gatta!

20/02
Atpco non ha resistito e ha aggiunto un po’ di colore al post. Ma resta umile.

Condividi se ti è piaciuto
Share

Coraggio, regalaci un commento stupefaccente

Collegati con il tuo account social:




Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *